LORENZOSPEED* interviews MiKE 3RD

LORENZOSPEED* intervista MiKE 3RD

1 ) Qual è stato l’input che Ti ha dato lo spunto per partire ?

Anche se da anni sto percorrendo una strada solista, la band che forma anche un artista solista è generalmente creata da musicisti che cercano interazione e provano piacere nel farlo. Accade a tutte le età e questa è una cosa bella dell’arte.

Quando la “chimica magia” accade ecco che la band si forma e la musica e l’arte iniziano a fluire.

2 ) Qual è l’origine del Tuo nome d’arte ?

Nel mio caso un adattamento internazionale di un soprannome di scuola superiore.

Miche ( sillabe parte del cognome ) è diventato Mike al quale ho aggiunto “3rd” ( terzo ) per il fatto che mio bisnonno era tenore e mio nonno suonava un po’ la chitarra ed il mandolino.

 

3 ) Quali sono gli artisti e/o le band musicali di riferimento per il Tuo gusto musicale ?

Da anni cerco di fare quello che mi piace, evolvendo nel linguaggio.

Chitarristicamente sono nato con i classici come David Gilmour & Pink Floyd, Jimmy Page & Led Zeppelin. Poi mi sono avvicinato al mondo jazz / fusion ascoltando e studiando Pat Metheny, John Scofield, Mick Goodrick. Nell’odierno vado dove mi porta il cuore ricercando modi per evolvere il mio linguaggio.

Lo stesso accade come cantante. Dagli inizi come autodidatta ho studiato un pò con Cheryl Porter per approdare da quattro anni al mondo meraviglioso della lirica.

Attraverso lo studio si arricchisce il proprio linguaggio, si evolve.

La musica

4 ) Cos’è la musica per  Te ?

La forma d’arte più nobile e fragile, perché astratta, non tangibile, fatta di suoni che esprimono emozioni, stati d’animo.

E proprio per questo la più potente, perché arriva a toccare le corde dell’anima di chi ascolta, risvegliando le coscienze, le emozioni e gli stati d’animo più diversi.

La musica e l’arte in generale sono i principali pericoli per le dittature, basti solo pensare al divieto di distribuzione del film “The Wall” in Sudafrica per il suo alto contenuto rivoluzionario pericoloso per mantenere la vergognosa segregazione razziale.

O anche il controllo sull’arte esercitato dai regimi del passato recente come nella DDR. A tal proposito potrei invitarVi alla visione del film “Le vite degli altri” … molto, molto ben fatto.

5 ) Quali sono i Tuoi progetti futuri ?

Sto scrivendo un nuovo disco che doveva vedere la luce in autunno ma la situazione attuale sta creando un po’ di problemi.

Se continua così mi rinchiuderò in una ulteriore clausura in studio e, nell’attesa di poter nuovamente provare con i musicisti che mi seguono, darò alla luce un EP nel quale suonerò tutti gli strumenti.

L’idea c’è e la musica pure.

6 ) Quale messaggio vuoi comunicare o trasmettere attraverso la Musica ?

Sono molto impegnato sul fronte di una riscoperta dell’uomo nella natura, nella naturalità delle cose. Questo è stato il tema guida per il mio primo album “In the Woods”.

Nel secondo invece mi sono spostato più sul concetto dell’inutilità della guerra, di qualsiasi conflitto, omaggiando le vittime di tutte le guerre.

Il terzo che verrà sarà un omaggio alla vita, in due volumi, ma per ora mi fermo qui.

Mike 3rd

7 ) Descrivi ai lettori la Tua storia artistica

E’ una storia lunga e non voglio stancarvi con troppi bla bla bla per cui cerco di riassumere in due righe lasciando chi è curioso al mio sito ufficiale.

Ho iniziato a suonare quando avevo 15 anni, era il Settembre del 1989 ed ero innamorato di “Shine on you crazy diamond” dei Pink Floyd.

Visti i voti in musica alle scuole medie, ( con l’odiato flauto dolce ), mi dicevano di lasciar stare, che io ero l’opposto della musica.

In anni di passione ho sempre tirato dritto per la mia strada, seguendo l’intuito, i consigli di professionisti più vecchi e “scafati” di me.

Ad oggi oltre a varie band e vari dischi ho avuto l’onore ed il piacere di suonare e di avere come ospiti nei miei lavori musicisti meravigliosi tra i quali un mito vivente, Tony Levin ( Pink Floyd – Peter Gabriel – King Crimson – John Lennon …) dal quale, nel corso delle nostre frequentazioni, ho veramente imparato tanto.

Lo ringrazierò in eterno.

Ecco … ho già sforato con le righe !

8 ) Cosa Ti piace della Tua professione ?

 

Tutto, dallo scrivere musica, al suonare, all’insegnare chitarra, al produrre artisticamente gruppi e solisti … tutto.

Adoro il mio lavoro.

10 ) Quale consiglio daresti a chi vuole iniziare il Tuo percorso artistico ?

 

Ognuno ha un suo percorso artistico, ognuno è qui per vivere una propria esperienza di vita.

Se la musica entrerà nella vostra di vita, seguite l’istinto, lasciate la voce interiore libera di portarvi ovunque.

Musician – Record Producer – Studio Owner

www.mike3rd.com

email: mike3rd@mike3rd.com  –  phone: +39 329 361 9641

Link e contatti

Per leggere tutte le interviste e gli artisti aderenti all’iniziativa ‘Art will save us’ clicca qui

Se vuoi tornare alla pagina principale del sito, clicca il seguente link >>> https://www.lorenzospeed.it

 

Un pensiero riguardo “LORENZOSPEED* interviews MiKE 3RD

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.